Accedi al sito
Serve aiuto?

Ingegneria geotecnica e geologia applicata

Fara Filiorum Petri(CH) Fara Filiorum Petri(CH)2 Valle Rann, PretoroCH) Vibo Valentia(VV) Villalago(AQ)

Villalago(AQ)

Il presente progetto nasce dall'esigenza di proporre di consolidare il costone roccioso a ridosso della strada che conduce verso Anversa degli Abruzzi .

La ricerca della proposta si è concentrata sulla messa in sicurezza della careggiata stradale attraverso un opera di difesa passiva.Nello studio si è cercato di porre particolare attenzione alla ricerca di interventi che risolvessero definitivamente il problema della caduta massi e allo stesso tempo rispondessero all’esigenza di limitare i costi di manutenzione per l’ente gestore della strada. L’intervento consiste nella realizzazione di una galleria paramassi con capacità d’assorbimento dell'energia di impatto pari ad almeno 2500kJ, altezza dal piano viario in corrispondenza dell’asse stradale pari a 6,00 m e luce pari a 8,25m. La galleria, che sarà realizzata per un tratto di circa 43 ml in corrispondenza del tratto a più alta criticità, sarà costituita da una successione di elementi di cemento armato vibrato prefabbricati in stabilimento con passo minimo di 1,6m montati su elementi di supporto gettati in opera ed opportunamente fondati e tirantati. Nel tratto oggetto d’intervento verrà eseguita un allargamento della sede stradale attraverso la demolizione del muretto di protezione posto a valle della sezione stradale e messa in opera di barriere di protezione stradale in legno lamellare con struttura portante in acciaio tipo corten caratterizzata da un  ridotto ingombro laterale ed una altezza sul piano viabile molto contenuta per favorirne una efficace integrazione nell'ambiente circostante. A intervento concluso la carreggiata utile passerà dagli attuali 6,00 ml di larghezza ai 7,00 ml.

L’opera proposta consentirà di eliminare il consolidamento del versante roccioso a monte della sede stradale attraverso l’apposizione di rete metallica a doppia torsione, il tutto con un notevole beneficio in termini di impatto sulla flora e sulla fauna locale che non verranno alterate e/o disturbate, ma soprattutto sull’immagine paesaggistica di restituzione finale dell’intervento. Il profilo attuale del versante, infatti,  non verrà rimodellato, salvaguardando eventuali colonie nidificate, poiché i blocchi per i quali in progetto era previsto il disgaggio e la rimozione verranno placcati e consolidati attraverso un sistema attivo di tiranti e pannelli in fune, i quali, al fine di una integrazione completa nel contesto paesaggistico per chi osserva l’intervento dalle diverse distanze dei territori attraversati, verranno dalla parte interna colorati con tonalità identiche a quelle naturali presente sulla parete rocciosa, mentre le superfici appartenenti ai prospetti dei fronti stradale verranno rivestiti con pietre locali  stuccate in opera con cemento bianco. Dal punto di vista ambientale invece le parti superiori dell’opera verranno ricoperte con terreno vegetale e pertanto si cercherà di restituire un ambiente naturale riconoscibile.


Inquadramento
Stato di fatto
Stato di progetto_planimetrie
Stato di progetto_scala 1:50
Stato di progetto_viste